Cosa ci aspetta nel 2019

IMG-20180422-WA0021

Con la consegna di un’importante farmacia calabrese a dicembre (a breve le foto) non si conclude per noi solo l’anno, ma anche un ciclo di lavoro durato per l’intero 2018. Questo 2019 sarà quindi un nuovo inizio.

Stiamo programmando la nostra partecipazione ai prossimi eventi del Design, un Fuori Salone di Milano in testa.

Stiamo lavorando ad una evoluzione del progetto “Salina”, introducendo più innovazione e tecnologia.

Stiamo lavorando ad un nuovo progetto SLS (Small living spaces o Smart living solutions…fate voi!), capace di affrontare nuove sfide e nuovi obiettivi.

Stiamo lavorando concretamente al mercato britannico, con una nostra presenza ufficiale.

Nel frattempo si aprono nuovi rapporti (e nuove opportunità) e si consolidano vecchie collaborazioni.

Un amico ci scrive che siamo già al lavoro, come gli illuministi che sperano più nella forza della ragione che nell’imprevedibilità del caso. Noi rispondiamo che la forza della ragione serve, nei limiti del possibile, ad arginare proprio l’imprevedibilità del caso (o del caos). Poi il caso certamente condizionerà tutte le reazioni alle nostre azioni. Ma almeno così ci illudiamo di poterlo governare!

Buon 2019.


 

With the delivery of an important Calabrian pharmacy in December (shortly the photos) it does not end for us only the year, but also a cycle of work that lasted for the entire 2018. This 2019 will therefore be a new beginning.

We are planning our participation in the next Design events, a Milanese Fuori Salone.

We are working on an evolution of the “Salina” project, introducing more innovation and technology.

We are working on a new SLS project (Small living spaces or Smart living solutions … you do it!), Able to face new challenges and new goals.

We are working concretely on the British market, with our official presence.

In the meantime new relationships are opened (and new opportunities) and old collaborations are consolidated.

A friend writes to us that we are already at work, like the Enlighteners who hope more in the strength of reason than in the unpredictability of chance. We reply that the strength of reason serves, as far as possible, to stem precisely the unpredictability of chance (or chaos). Then the case will certainly affect all the reactions to our actions. But at least so we delude ourselves that we can govern it!

Happy new year!

«Non immaginarlo soltanto, guardalo». Arredo ‘aumentato’

I passi in avanti nella sviluppo della realtà virtuale negli ultimi anni sono stati sorprendenti e ai suoi esordi si poteva solo immaginare che sarebbe diventata una tecnologia accessibile comodamente alle masse come strumento applicato al mondo del divertimento, dell’informazione.. e non solo!

Anche nel settore dell’arredamento questa sorprendente tecnologia ha trovato terreno fertile, partendo dai primi modelli 3D navigabili e da occhiali 3D che trasformavano i disegni bidimensionali dandogli volume.

Già oggi rappresenta un vero e proprio strumento di business che, grazie ad un device, ad un’app e la stampa di alcuni ‘recettori’, aiuta l’utente a visualizzare, nella maniera più realistica, come quel mobile o quella lampada si andrà ad inserire nel proprio spazio, ma è anche un efficace strumento per le aziende che possono caricare nella piattaforma i modelli 3D dei propri mobili, permettendo agli utenti dell’app di scegliere quale mobile mettere in casa e poi ordinarlo direttamente.

In futuro questo strumento sarà ancora più interattivo e versatile: con solo pochi tocchi si potrà acquisire un modello 3D della nostra stanza e poi scegliere se visualizzare l’ologramma di questi nuovi arredi direttamente all’interno della stanza in oggetto (Realtà Aumentata, AR), oppure visualizzare la proiezione in 3D di stanza ed arredi escludendo alla propria vista la realtà circostante (Realtà Virtuale, VR).

Avremmo a disposizione infinite librerie di oggetti che si materializzeranno davanti ai nostri occhi e attraverso i nostri schermi, e sapranno regolarsi in automatico con le giuste proporzioni, avranno una resa grafica  estremamente realistica, potranno essere personalizzati nei colori e nelle texture, ci si potrà girare intorno valutandoli da ogni angolazione.

Insomma una tecnologia sorprendente che ci svelerà presto tutto il suo potenziale!

Cominciate a tastare con mano: iStaging


The steps forward in the development of virtual reality in recent years have been amazing and at its beginnings one could only imagine that it would become a technology accessible to the mass as a tool applied to the world of fun, information and not only!

Even in the furniture industry this amazing technology found breeding ground, starting with the first 3D navigable models and 3D glasses that transformed bidimensional drawings giving it volume.

It’s already a real business tool that, thanks to a device, an app, and the printing of some ‘receptors’, helps the user to visualize, in the most realistic way, how that furniture or lamp will insert into our space, but it’s also an effective tool for companies that can load 3D models of their furniture on the platform, allowing app users to choose which complement to put in their home and then order it directly.

In the future, this tool will be even more interactive and versatile: with just a few touches you will be able to acquire a 3D model of our room and then choose whether to display the hologram of these new furniture directly in the room in question (Augmented Reality, AR) , or view 3D room and furniture projection by excluding the surrounding reality from your view (Virtual Reality, VR).

We will have endless bookstores of objects that will materialize in front of our eyes and through our screens, and they’ll automatically adjust with the right proportions, they’ll have an extremely realistic graphic rendering, they’ll can be customized in colors and textures, you’ll can go around, evaluating them from every angle.

In short, a surprising technology that will soon reveal its full potential!

Start touching with your hand: iStaging

Ricarica induttiva, il nuovo standard

I sistemi integrati di ricarica wireless stanno diventando parte integrante delle nostre vite e quindi degli ambienti che frequentiamo.

Questa tecnologia si basa sull’uso di due avvolgimenti elettromagnetici (uno nel supporto di ricarica e d uno nel dispositivo) per realizzare la cosiddetta ricarica induttiva che agisce creando un campo magnetico tra le due parti e consentendo quindi di trasferire l’energia.

A casa, in macchina, negli aeroporti e stazioni, la tecnologia che sfrutta l’induzione elettromagnetica ci consente di ricaricare i nostri dispositivi semplicemente tramite contatto, appoggiandoli alla superficie cui è stato integrato il trasmettitore e senza dunque il pensiero di prese, spine e cavetti.

Si tratta di una tecnologia in via di perfezionamento, che un domani riguarderà non solo la necessità della ricarica, ma più in generale la comodità di poter comunicare e scambiarsi informazioni con un tocco del proprio telefono, e i nostri dispositivi saranno così al sicuro dall’usura determinata dall’utilizzo del cavetto.

Grandi aziende in svariati settori hanno già avviato progetti che vedono integrata questa tecnologia nei loro prodotti, anche noi designer dobbiamo dunque tenerne conto, e sfruttarne tutte le potenzialità.


Integrated wireless charging systems are becoming an integral part of our lives and therefore the environments we are experiencing.

This technology is based on the use of two electromagnetic windings (one in the charging stand and one in the device) to achieve the so-called inductive charge that acts by creating a magnetic field between the two parts and allowing transfer of energy.

At home, by car, at airports and stations, the technology that uses electromagnetic induction allows us to reload our devices simply by contact, supporting them on the surface where the transmitter is integrated and without thinking of sockets, plugs and wires.

This is a technology that is being developed, which tomorrow will cover not only the need for charging, but more generally the convenience of communicating and exchanging information with a touch of your phone, and our devices will be so safe from wear determined by the use of the cable.

Big companies in many industries have already started projects that see this technology integrated into their products, so also we designers must take consideration to it and take advantage of their potential.

With SALINA living in LONDON has never been so easy! DESIGN FAIR 2018

 

Anche quest’anno, all’interno della London Design Fair – Tent and Super Brand, Artema ha presentato alla capitale londinese un innovativo progetto: Salina, sviluppato con la designer Valeria Longo.

In tutte le grandi città in cui lo spazio è poco, e valutato a caro prezzo, l’arredo multifuzionale Salina si propone di essere una soluzione univoca che racchiude al suo interno tutti gli elementi indispensabili all’interno della casa.

La reazione del pubblico è stata positiva ed entusiasta, tanto quanto la nostra soddisfazione!

Se ve la siete persa!

Senza titolo-1


Also this year, during the London Design Fair – Tent and Super Brand,  Artema presented to  London capital an innovative project: Salina , designed with designer Valeria Longo.

In all the big cities where space is scarce, and valued at a high price, Salina multi-functional furniture aims to be a unique solution that contains all the essential elements inside the home.

The reaction of the public was positive and enthusiastic, as much as our satisfaction!

If you missed it!

Senza titolo-1

 

Se ve la siete persi, LONDON DESIGN FAIR 2017

Lo scorso settembre abbiamo partecipato con la nostra Aretusa alla London Design Fair, se ve la siete persi, andate su Vimeo e respirate un po’ dell’atmosfera del Design in South Italy!

LONDON

London, we’ll come back soon!


Last september we participated with our Aretusa at the London Design Fair, if you missed it, go on Vimeo and breathe a bit ‘of the atmosphere of Design in South Italy!

LONDON

 

London, we’ll come back soon!

La nostra Aretusa sbarca a Berlino

Durante la nostra esperienza al Living Kitchen di Colonia, abbiamo avuto grandissime soddisfazioni.

E’ stata un’esperienza entusiasmante, e oggi siamo ancora più felici perché siamo arrivati alla conclusione di un progetto personalizzato: una versione di Aretusa modificata e adattata per le esigenze della nostra cliente Sarah, conosciuta durante la fiera insieme a suo marito, e che ha insistito perché fossimo noi a produrre questo elemento di arredo unico per il suo piccolo appartamento di Berlino (in cui vive con tutta la famiglia).

Abbiamo ideato una Aretusa ancora più compatta, caratterizzata dagli stessi materiali performanti, completa degli elettrodomestici a loro necessari e, ovviamente, del dettaglio ‘siciliano’ costituito dalle preziose maioliche.


During our experience at Living Kitchen Cologne Fair, we had a lot of satisfactions.

It was an exciting experience, which gave us the opportunity to develop customized projects, such as this version of Aretusa adapted for our client Sarah, known during the fair together with her husband, and whose insisted that we produce this unique piece of furniture for his small apartment in Berlin (where he lives with his whole family).

We have created a version of Aretusa even more compact, characterized by the same performance materials, complete with the electrical appliances they needed and, of course, the ‘sicilian’ detail of the precious majolica.

 

 

WE ARE READY for Milan Design Week 2018!

Dal 17 al 22 Aprile andrà in scena a Milano l’annuale Design Week: 6 giorni in cui il design invade la città, intrecciandosi con il tessuto urbano e creando un unico maxi evento.

Sono ormai molteplici, ed ogni anni più numerosi, i quartieri della città che si animano diventando teatro e vetrina per i designer e le aziende di tutto il mondo, e la ‘capostipite’ di questo fenomeno culturale milanese è la storica Zona Tortona.

Quest’anno, tra i protagonisti di questo evento, ci sarà anche Artema all’interno dello spazio espositivo [Re]design, allestito presso BASE Milano dal CNA di Milano.

Siamo pronti per mostrare al pubblico della Milano Design Week 2018 la nostra Salina, progettata dalla designer Valeria Longo, con il suo design unico e funzionale, ed un look rinnovato.

Che dire.. Ci vediamo a Milano!
17-22 Aprile_BASE Milano | ex Spazio Ansaldo_via Bergognone 34_Milano


From April 17th to 22nd the annual Design Week will be staged in Milan: 6 days in which design invades the city, intertwining with the urban fabric and creating a single maxi event.

There are now many districts of the city, and every year more numerous, that liven up becoming theater and showcase for designers and companies from all the world, and the ‘progenitor’ of this cultural phenomenon in Milan is the historic Zona Tortona.

This year, among the protagonists of this event, there’ll also be Artema inside the exhibition space [Re]design, set up at BASE Milano by the CNA of Milan.

We are ready to show to the public of the Milan Design Week our Salina, designed by designer Valeria Longo, with its unique and functional design, and a renewed look.

What to say .. See you in Milan!
17-22 April_BASE Milano | Ex Ansaldo Space_via Bergognone 34_Milan

I nuovi materiali (naturali) per il design 2/2

Arriva dalla Spagna l’ideatrice dell’eco-pelle ricavata interamente dalle foglie dell’ananas: il Piñatex.

Durante un viaggio nelle Filippine, Carmen Hijosa si lascia incuriosire e ispirare da alcuni costumi tipici che gli uomini avevano l’abitudine di indossare durante le festività, scoprendo che erano intrecciati partendo da una materia prima insolita.

Le foglie di ananas sono un prodotto di scarto della coltivazione, ma a seguito di un processo innovativo, totalmente eco-sostenibile chiamato decorticazione (che non richiede né suolo né acqua in più per la sua produzione), queste ultime vengono trasformate in un materiale tessile molto resistente, rinnovabile, compostabile, traspirante, leggero ed elastico, può essere facilmente colorato e finito in svariati modi e che conserva le stesse caratteristiche della pelle.

Ci auguriamo che questi due esempi eccellenti del design sostenibile siano solo l’incipit di una nuova filosofia nel mondo della progettazione.


Comes from Spain the creator of the eco-leather made entirely from pineapple leaves: the Piñatex.

During a trip to the Philippines, Carmen Hijosa is aroused and inspired by some of the typical costumes that men used to wear during festivities, discovering that they were weaved with unusual raw material.

Pineapple leaves are a waste product of cultivation, but after an innovative, totally eco-sustainable process called decortication (which requires no soil or extra water for its production), these are transformed into a textile material very durable, renewable, compostable, transpiring, lightweight and elastic, can be easily colored and finished in many ways and retains the same skin characteristics.

We hope these two excellent examples of sustainable design are just the beginning of a new philosophy in the design world.

I nuovi materiali (naturali) per il design 1/2

Trasformare un materiale di scarto in una risorsa: ecco due esempi eccellenti che conducono la progettazione in una dimensione profondamente eco-sostenibile e innovativa!

E’ Pugliese l’azienda Sikalindi che ha risolto il problema dello smaltimento delle pale di fico d’india sfoltite dalla pianta, trasformandole in materia prima per pezzi di arredamento originali.

Al loro interno, le pale verdi del fico, hanno una fibra legnosa che quest’azienda estrae e leviga a mano. Questa assume l’aspetto di una maglia di legno che viene accostata alle altre in un mosaico dalle texture sempre diverse. Il materiale ‘grezzo’ così ottenuto viene impregnato con delle resine che lo preserveranno, conferendogli resistenza meccanica e impermeabilizzandolo.

E’ così che un materiale di scarto si è trasformato in una risorsa che può caratterizzare qualsiasi tipo di arredo e complemento, donandogli un gusto mediterraneo e unico.


Transforming waste material into a resource: here are two excellent examples that lead design into a profoundly eco-sustainable and innovative dimension!

It’s from Puglia (region in the South Italy), the company Sikalindi , which has solved the problem of disposal of prickly pear pad thin out from the plant, transforming them into raw material for original pieces of furniture.

Inside, the green pads of prickly pear, have a wood fiber that this company extracts and smoothes by hand. This assumes the appearance of a wooden mesh that is attached to the others in a mosaic of ever-changing textures. The raw material obtained is impregnated with resins that will preserve it, giving it mechanical strength and waterproofing.

This is how a waste material has become a resource that can characterize any kind of furnishing and complement, giving them a unique Mediterranean flavor.

 

Il nostro design a Londra

 

Una risposta entusiastica di pubblico e di operatori di settore ha accolto la nostra cucina compatta “Aretusa” al London Design Fair 2017, nell’ambito del progetto “Design in South Italy”, organizzato da ITA (Italian Trade Agency).

L’Aretusa è piaciuta perché calza a pennello per i mini appartamenti di Londra, perché ha contenuti tecnologici importanti, perché coniuga uno stile minimalista con un dettaglio di sicilianità classica, perché oltre le abitazioni può trovare spazio anche nei numerosissimi studio londinesi.

Da parte nostra va un ringraziamento speciale allo staff dell’ITA Trade di Londra, che ha supportato in modo eccellente tutte le aziende presenti.

Alla prossima!


 

An enthusiastic response from the public and industry operators has welcomed our compact Kitchen “Aretusa” at London Design Fair 2017, under the “Design in South Italy” project organized by ITA-ICE (Italian Trade Agency of London).

Aretusa is a good fit for the small apartments in London, it has important technology content, it combines a minimalist style with a detail of classic Sicilianity, beyond the homes it can also find space in the many London studios.

Special thanks are given to the London Trade Fair staff, which has excellently supported all the companies present.

Until next time!